Ti Faccio Strada Papà

Il viaggio di un giorno in un giorno qualunque.

Conoscendo bene la realtà del trasporto su strada, e sapendo che spesso gli autotrasportatori sono bistrattati dall’opinione pubblica, ho pensato di raccontare la giornata tipo di un ragazzo, autista e proprietario di una società di autotrasporti, Fabio, con la particolarità di avere il frontale del suo camion aerografato con la foto della figlia e la scritta “Ti faccio strada papà”.

L’ho interpretato come un voler tenere con se i propri affetti, come le fotografie nei portafogli o in quelle cornicette adesive che qualche anno fa spopolavano sui cruscotti delle automobili.

E’ stato un viaggio da Como a Milano e ritorno, da Como a Bergamo e ritorno, da Como a Pavia e finalmente il ritorno a casa, pronto per partire il giorno successivo con chissà quale destinazione e chissà a quale ora, ma sempre cercando di organizzare il tutto in modo da tornare a casa la sera per potersi godere alcune ore con i propri cari. 

Da questa bella avventura è nata un'autoproduzione libraria: "Ti faccio strada papà"

 

01

02

03

04

 

05

06

07

08

 

09

10

11

12

 

13

14

15

16

 

17

18

19

20

 

21

22

23

24

 

25

26

27

28

 

29

30

31

32

 

33

34

35

36

 

37

38

39

40

 

Silvano Bicocchi - Direttore del Dipartiento Cultura della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche - 05/08/2012  su Agora di Cult

Mauro Conti con “Ti faccio strada papà” dà la misura di quanto con la fotografia digitale l’indagine della realtà si possa diffondere in ogni ambiente e operare nelle condizioni di luce più difficili.
L’opera sviluppa un’idea di narrazione tematica e svolge il suo racconto nella sequenza temporale dal mattino alla sera, rappresentando la giornata lavorativa tipo di un camionista lombardo.
E’ un lavoro, che per lo stile col quale è stato realizzato, si colloca nel fotogiornalismo d’approfondimento perchè le immagini tendono a rappresentare le condizioni oggettive di questo mestiere dando numerosi dettagli del contesto ambientale in cui viene svolto.
E’ un’opera dai grandi valori morali e calda d’affetti. In essa il lavoro diventa la condizione necessaria per dare sostegno alla famiglia, la grande padronanza con la quale esso viene svolto misura oltre che la professionalità anche la maturità umana del camionista, la presenza dell’affetto famigliare completa un quadro di una vita piena di bei sentimenti.